I due ragazzi con disabilità motoria hanno testato personalmente dieci itinerari tra Parma e provincia

Una guida turistica speciale per persone con disabilità motoria che vogliano visitare le meraviglie del territorio di Parma e provincia. Questo è il risultato del lavoro di Jessica Borsi e Matteo Salini, ragazzi con disabilità motoria curatori della guida “Itinerari accessibili Parma & dintorni”, da alcuni giorni in distribuzione gratuita sul territorio parmense e realizzata grazie al contributo di un’ottantina di sostenitori, attraverso un crowdfunding, e alcuni sponsor. La guida, realizzata in doppia lingua italiano e inglese, voluta da Parmaccessibile e Anmic, la più grande associazione di tutela delle persone con disabilità, è stata presentata nella Sala Tommasini, alla presenza dei curatori Borsi e Salini, di Diego Rossi, presidente della Provincia, Cristiano Casa, assessore al Turismo del Comune di Parma, Walter Antonini, presidente di Anmic.

La pubblicazione contiene dieci itinerari di Parma e provincia: la Parma monumentale del centro storico, le magie del Correggio, la Parma ducale, la natura metropolitana, l’Oltretorrente, la Bassa tra i luoghi verdiani, il Po, le abbazie e Colorno sono solo alcuni dei punti di interesse trattati dalla guida, con descrizioni accurate, piantine aggiornate e belle foto, nonché tutte le indicazioni necessarie in merito all’accessibilità dei luoghi di interesse turistico, di bar, ristoranti e hotel lungo i percorsi. La guida è già a disposizione, gratuitamente, all’Anmic di Parma, allo Iat di piazza Garibaldi, al Parma Point di strada Garibaldi.

Jessica Borsi e Matteo Salini, curatori della guida hanno presentato il progetto: “È stato un lavoro lungo e faticoso, ma molto gratificante. Ci teniamo a ringraziare i sostenitori del crowdfunding e gli sponsor, senza i quali la guida non si sarebbe potuta realizzare. È stato un lavoro certosino, realizzato sul campo: ogni percorso, ogni luogo e ogni attività sono stati personalmente testati da noi. Speriamo possa essere un utile strumento per chi ha difficoltà motoria come noi”.

La guida vuole essere una selezione degli itinerari turistici accessibili, una prima edizione di un lavoro che possa in futuro coinvolgere l’intero territorio. Patrocinato dai Comuni di Parma, Polesine-Zibello, Borgo Val di Taro, Calestano, dall’Unione Pedemontana Parmense, da Pedemontana Sociale, Iat e Proloco di Sala Baganza, il volume ha visto il contributo di un’ottantina di cittadini sostenitori tramite un crowdfunding sostenuto, nella fase di avviamento, da Fondazione Cariparma di Tep, Privatassistenza Langhirano Collecchio Traversetolo, ristorante pizzeria La Barchetta, Frigomeccanica e Associazione Voglia di Leggere “Ines Martorano”. Anche in previsione del fatto che la nostra città nel 2020 sarà Capitale Italiana della Cultura e vedrà un numero crescente di turisti: tra questi anche persone con ridotta mobilità che avranno un utile strumento per visitare la città e orientarsi al meglio tra le molte proposte che il territorio parmense offre, grazie ad una guida realizzata da persone che hanno testato, con la loro carrozzina, sul campo, ogni particolare degli itinerari proposti.

Cristiano Casa, assessore al Turismo del Comune di Parma, ha sottolineato come la guida sarà uno strumento molto utile per coloro che vorranno visitare Parma: “Il 2020, quando Parma sarà capitale italiana della cultura, non mi preoccupa: sarà sicuramente un successo, perché i dati sono tutti molto positivi. Ma la vera sfida è dal 2021 in poi e sarà vinta se saremo capaci di sfruttare questo titolo per il futuro. Mi farò portavoce per il miglioramento dell’accessibilità dei nostri luoghi“.

© riproduzione riservata