Arrestato un uomo intento in atti persecutori: la ragazza viveva in uno stato d’ansia e paura

La perseguitava da tempo e, ancora una volta, si era recato sotto casa sua: ma la ragazza non ha esitato e ha chiamato il 113. Gli uomini della Volante sono intervenuti sul posto e hanno individuato l’uomo, un tunisino classe 1980, privo di documenti. In seguito ai controlli l’uomo è risultato clandestino, già espulso nel 2008 per una condanna per resistenza a pubblico ufficiale e false attestazioni.

Le attività d’indagine svolte nelle immediatezze hanno permesso di ricostruire la vicenda e circoscrivere tutte le molestie ricevute dalla giovane donna. L’escalation ossessiva dell’uomo era in una fase avanzata, che sarebbe potuta degenerare anche in atti violenti. Il suo comportamento aveva determinato nella ragazza un grave stato d’ansia e di paura, tanto da non permetterle più di seguire le proprie abitudini, in altre parole di poter essere libera di vivere la propria vita. Alla luce dei fatti che si sono evidenziati, il tunisino è stato tratto in arresto in flagranza per il reato di atti persecutori e collocato presso la locale casa circondariale a disposizione del Pubblico Ministero.

© riproduzione riservata