adolescenti

L’Azienda Pedemontana Sociale ha deciso di rafforzare i servizi dedicati agli adolescenti che, a causa del Coronavirus, hanno sviluppato una maggiore chiusura ed isolamento e che quindi hanno maggiormente bisogno di supporto e ascolto. Dal punto di vista psicologico, la pandemia ha travolto specialmente gli adolescenti portando ansia, isolamento e depressione a causa della solitudine forzata nonché ad una socialità costruita sulla distanza. In una fase della vita in cui si rafforzano i rapporti sociali, in cui lo stare insieme e il rapporto con gli altri rappresentano un elemento fondamentale, il venir meno di ciò ha fatto sì che venisse istituito un servizio di maggior supporto ed aiuto per loro. Pedemontana Sociale ha quindi consolidato i servizi dedicati a loro e alle loro famiglie che vedono impegnati il Centro per le Famiglie Distrettuale, l’Ufficio di Piano, gli Istituti comprensivi con i loro insegnanti, gli educatori scolastici e dei Centri aggregativi dei Comuni dell’Unione Pedemontana. Obiettivo della Pedemontana Sociale sarà istituire una serie di incontri tra genitori ed esperti a partire tra maggio e giugno e che verranno presentati nei prossimi giorni.

Il Centro per le Famiglie Distrettuale, che ha sede a Sala Baganza, ha messo a disposizione un servizio di consulenza per adolescenti e genitori al quale si può accedere gratuitamente semplicemente telefonando al numero 0521 331395 o inviando una mail all’indirizzo famiglie@pedemontanasociale.pr.it.  Questo spazio di riflessione e ascolto sarà guidato dalla dottoressa Valeria Lo Nardo al fine di essere di sostegno per quei genitori che comprendono con difficoltà i figli e per superare i problemi di comunicazione tra loro. Verranno offerti gli strumenti necessari ed utili per un sano rapporto di relazione con i figli. Consapevolezza delle proprie capacità e il superamento di eventuali momenti negativi saranno alcuni degli obiettivi del servizio. Altri due modi per contrastare le conseguenze della pandemia saranno il progetto promosso da Educativa scolastica, finanziato dall’Ufficio di Piano, e della rete dei Centri aggregativi presenti nei territori di Collecchio, Felino, Montechiarugolo e Traversetolo, che Pedemontana Sociale ha affidato alla Cooperativa Auroradomus, secondo una logica di continuità educativa: “gli adolescenti incontrano infatti gli stessi professionisti a scuola e nei Centri giovani dove vengono organizzate le attività pomeridiane”.

Dunque, si vuole motivare i ragazzi partendo dalla valorizzazione delle loro competenze e dalla comprensione dei propri bisogni, per guidarli nel corso della loro crescita nella società. Non saranno servizi finalizzati solamente a coloro che hanno particolari necessità ma per tutti coloro che sentono di trovarsi in situazioni complicate e che hanno bisogno di un punto di approdo diverso da quelli tradizionali. Si cercherà il più possibile di evitare la didattica a distanza al 100% offrendo la possibilità di seguire il laboratorio in presenza rispettando naturalmente i protocolli di sicurezza. Gli educatori riscontrano che il bisogno più sentito dai ragazzi di oggi è quello di stare insieme, e “l’isolamento causato dalla pandemia ha reso più difficile staccarli da telefoni cellulari e internet per un ritorno alle attività reali”. Dichiara la sindaca di Collecchio Maristella Galli Pedemontana sociale c’è. C’è per i cittadini di ogni età. C’è anche per gli adolescenti che hanno subito pesantemente gli effetti della pandemia e c’è per gli adulti che li accompagnano nel percorso di crescita. Crescere insieme è l’obiettivo alla base del nostro essere presenti anche in questo ambito d’intervento”.

@ riproduzione riservata