Tetto, ingresso e hangar nuovi all’albergo di Pratospilla, realizzati con la sinergia di Comune, Provincia e Regione

Il nuovo albergo di Pratospilla è pronto. Questa mattina verranno inaugurati il nuovo tetto, l’ingresso e l’hangar. Saranno presenti per l’occasione l’Assessore al Turismo e commercio della Regione Emilia Romagna Andrea Corsini, la Delegata al Patrimonio della Provincia di Parma Michela Canova, il Sindaco di Monchio delle Corti Claudio Moretti.

Questo obiettivo è stato raggiunto in un momento molto difficile per la Provincia di Parma. Ma la sinergia con la Regione e il Comune di Monchio ha consentito di rimettere in pristino la struttura di Prato Spilla sia dal punto di vista estetico sia energetico“, spiega la Delegata provinciale al Patrimonio Michela Canova.  “Si consentirà così a quel territorio l’utilizzo in chiave turistica di una parte importante del nostro Appennino. L’ottica è quella di una richiesta diversa di turismo, che ha soprattutto la capacità di creare posti di lavoro“.

I lavori effettuati nella stazione di PratoSpilla

La Stazione Turistica di Prato Spilla, di proprietà della Provincia di Parma, è un fondamentale punto di riferimento per le attività turistiche di crinale dell’Appennino Parmense. L’albergo, ristorante, bar, su cui fanno perno tutte le attività, è stato oggetto degli interventi di riqualificazione e potenziamento. Tutti gli interventi sono finalizzati ad importanti opere di manutenzione del manto di copertura e di miglioramento energetico. Nello specifico si tratta di:

  • Rimozione dell’esistente manto di copertura in lamiera grecata
  • Nuovo pacchetto isolante in lana di roccia
  • Posa di nuova lamiera grecata preverniciata in alluminio
  • Sostituzione dei serramenti delle camere al piano primo (velux)
  • Messa a norma delle canne fumarie della centrale termica
  • Installazione di linea vita

Altri interventi effettuati sono stati:

  • Rifacimento di parte del manto di copertura in piane del porticato di accesso alla stazione
  • Forniture delle attrezzature e degli arredi dell’albergo
  • Messa in sicurezza degli accessi alla struttura ricettiva con realizzazione di un piccolo porticato a due falde con struttura lignea e manto in lamiera grecata.

Un intervento da 336.000 euro

L’importo complessivo dell’intervento è stato di 336 mila euro. Finanziato con contributo di 155 mila euro dalla Regione e con fondi propri della Provincia di Parma, del Comune di Monchio delle Corti 40.550 euro, e 11 mila euro del Parco Nazionale dell’Appennino Tosco – Emiliano.

L’intero appalto è stato gestito internamente dal Servizio Edilizia Scolastica – Patrimonio della Provincia. I lavori sono stati aggiudicati alla ditta Isomec di Parma. Sono iniziati ad ottobre 2015, sospesi nel corso della precedente stagione invernale, per essere ultimati il 1 dicembre 2016.

Sempre la Provincia di Parma ha realizzato la nuova struttura di rimessaggio per i mezzi di servizio, composta da una struttura di copertura in tubolari e manto di copertura in lamiera grecata zincata preverniciata, completa di testata con portoni di accesso. La spesa complessiva è stata di 50 mila euro, finanziata dalla Regione con un contributo di 35 mila euro. I lavori sono stati aggiudicati alla ditta Copre di Bibbiano e alla ditta Bacchieri Giuseppe di Monchio delle Corti.

Sono stati inoltre completati gli interventi di manutenzione straordinaria e revisione della seggiovia LM14 e della sciovia LS117, primo stralcio della revisione generale degli impianti di risalita, che ne permetterà la riapertura al pubblico esercizio per 10 anni, per una spesa complessiva di 65 mila euro, interamente finanziati con contributo regionale.

© riproduzione riservata

Appennino, una ”nazione invisibile” abitata da 11 milioni di persone