Prestiti personali: quando conviene richiederli e in che modo farlo

Prestiti: quando chiederli? Come avviene la restituzione a Banche o società finanziarie?

Quando si parla di prestito personale si intende un finanziamento che viene dato ad un privato da parte di una società finanziaria o di una banca. Le modalità di restituzione del prestito consistono poi fondamentalmente in rate a scadenza generalmente mensile, alle quali viene applicato un tasso di interesse. In genere non è necessario nemmeno specificare a cosa servirà il finanziamento e, dando uno sguardo ai rapporti sui prestiti in Italia nel 2019, si può notare subito come il numero degli stessi sia aumentato, ma l’importo invece sia diminuito. In poche parole, gli italiani hanno richiesto più prestiti, ma per somme minori. Vediamo ora quando conviene chiedere un prestito e in che modo si può fare.

Quando conviene chiedere un prestito

Ci sono dei casi nella vita in cui chiedere un prestito può rivelarsi una buona strategia. Le occasioni per farlo sono, ad esempio, comprare una nuova automobile, la nascita di un figlio, ristrutturare casa, fare un viaggio e così via. In tutti questi casi, il prestito serve ad avere la disponibilità di una somma di denaro che non si avrebbe altrimenti, potendola pagare a rate secondo le proprie disponibilità economiche.
Ci sono prestiti, si può dire, per tutte le tasche, con rate convenienti e interessi ridotti.

Questo non vuol dire però che si possa ricorrere sempre e comunque a un finanziamento. È sempre bene infatti compiere questa scelta in maniera oculata. Ci sono delle strategie che possono aiutare a capire quando è il caso di chiedere un prestito e quando invece è meglio evitare.
Innanzitutto è sempre bene capire se si sta parlando solo di una spesa necessaria oppure no, nel qual caso è meglio evitare. Potrebbe essere più utile organizzare meglio le spese mensili per mettere da parte una cifra adeguata all’acquisto, ad esempio, di una nuova lavatrice.

La seconda cosa da capire è se il prestito può dare anche dei vantaggi di altro tipo. È il caso della ristrutturazione della casa, per la quale fare delle migliorie aiuta a viverci meglio ma dona anche un valore superiore all’immobile stesso per una futura ipotetica vendita.

Ci sono invece casi in cui la strada del prestito non è quella giusta. Innanzitutto quando si è con l’acqua alla gola perché in casi del genere si rischia di accettare anche un finanziamento con interessi troppo alti. In secondo luogo, se non si è certi di poter restituire la somma richiesta, ci si sta per mettere in un circolo vizioso molto pericoloso.

Come fare a richiederlo

Chiedere un prestito può essere molto facile, come nel caso in cui lo si faccia comodamente su Internet. Ci si può, ad esempio, collegare ai siti di istituti di credito specializzati in prestiti online tipo Younited Credit, dove inoltrare la domanda risulta molto semplice e immediato. La cosa importante è avere i documenti utili per la domanda e verificare i tassi di interesse e le condizioni offerte dai singoli enti finanziari. Prima di procedere alla richiesta è bene valutare attentamente anche la durata del finanziamento, le condizioni del rimborso ed eventuali spese accessorie come nel caso dell’assicurazione.

L’importo richiedibile solitamente va da un minimo di 200 euro a un massimo di 60.000 euro, da restituire a rate mensili in un lasso di tempo che va dai 6 ai 180 mesi. I documenti da fotocopiare utili ai fini della domanda sono: un documento di riconoscimento, il codice fiscale, una copia delle bollette delle utenze domestiche e un documento che attesti il reddito percepito. Solitamente non occorre altro, ma possono esserci delle variazioni a seconda dell’istituito cui ci si rivolge. In alcuni casi poi, è richiesto un garante che si faccia carico del pagamento delle rate nel caso in cui il titolare del prestito non sia in grado di estinguerlo. 

Per concludere, oggi chiedere un prestito è sempre più facile grazie alle possibilità offerte dal web, ma prima di effettuare questa scelta bisogna valutare attentamente se convenga oppure no.

© riproduzione riservata