Il rapporto tra persone e tecnologie aumenta ogni giorno di più, soprattutto per quanto riguarda il settore dei nuovi media digitali e gli accessi ad Internet

EMILIA ROMAGNA | Le ragioni di questa crescita sono in gran parte dovute al bisogno di informazione, che trova maggiore soddisfazione sulla rete, grazie ad un’offerta sempre più ricca di notizie. Allo stesso tempo aumenta l’utilizzo dei social media utilizzati, oltre che per l’informazione, per mantenere i contatti sociali.

I dati dei consumi digitali degli italiani in rete

Secondo il rapporto 2018 del Censis in Italia cresce l’uso dei cellulari collegati alla rete, insieme agli altri dispositivi connessi, mentre stanno subendo un calo sempre più evidente i libri e la televisione tradizionale.

Aumentano al contempo tutti quei contenuti digitali da fruire o scaricare da Internet, come i film e le serie tv, con una percentuale di connessioni tramite smart tv che supera il 30% con un incremento del 3,3% in un anno.

Anche la tv sui dispositivi mobili è in netta ascesa con il suo 25,9% di utenti e un incremento nell’anno del 3,8%. Una realtà che sta causando un arresto del DTV e del satellite e il calo degli ascolti dei programmi della televisione tradizionale.

Certo c’è ancora molta strada da fare per consentire un utilizzo uniforme e sicuro delle tecnologie, anche se il gap tra connessi e non connessi al web si va assottigliando perché oggi sono disponibili sul mercato diverse offerte di Internet ricaricabile, come quelle proposte da Linkem che raggiungono zone non coperte dalla rete adsl. Questo divario va superato al più presto, perché esclude molti utenti dall’uso dei social media e dall’informazione online, fondamentali per mantenersi aggiornati e in contatto con i propri cari.

Ma vediamo nel dettaglio come si comportano le singole città italiane.

L’uso del web e dei social nelle città

Una delle Regioni che sta facendo registrare un’ottima presenza sul web è l’Emilia-Romagna, come risulta dall’indagine “ICity Rate 2018” che la pone in testa nell’uso dei Social nei confronti dei cittadini.

L’utilizzo che si vuole premiare è quello costante e qualitativamente elevato, al fine di dimostrare la vicinanza delle Istituzioni locali ai propri utenti e tenere costantemente informati sulle attività a favore della collettività. Un sistema più attuale nel quale si sono distinte soprattutto le città di Reggio Emilia e di Bologna.

Ma la FPA, cioè la società che ha condotto l’indagine per conto di “ICity Rate 2018”, non ha evidenziato solo gli aspetti positivi della presenza delle Pubbliche Amministrazioni sulla rete, ma evidenziato anche alcune inefficienze.

Ad esempio in molti siti non vengono aggiornate le informazioni, nonostante questo sia il canale perfetto per comunicare con i cittadini, né risulta attiva l’interazione con la comunità degli utenti.

Quanto alla classifica dei Social più amati, rimane in testa Facebook, seguito da Twitter, YouTube e Instagram, sempre più utilizzati, con i primi segnali di utilizzo di piattaforme come WhatsApp e LinkedIn.

La rete delle Pubbliche Amministrazioni

I servizi che possono offrire in rete le Pubbliche Amministrazioni sono quanto mai importanti, sia perché consentono di ottenere certificazioni e permessi in maniera diretta e veloce, sia perché la comunicazione tra la città e il cittadino rinsalda i rapporti con la comunità.

© riproduzione riservata