sala attiva tiziana azzolini

Le elezioni si avvicinano e anche Sala Baganza, come altri sette comuni del parmense, è pronto per rinnovare il suo Sindaco, la Giunta e il Consiglio Comunale il prossimo 3 e 4 ottobre 2021. Oltre alla Azzolini, l’altro candidato sindaco è l’uscente Aldo Spina con la lista “Solidarietà”. Tiziana Azzolini ha già ricoperto il ruolo di consigliere comunale negli ultimi 5 anni a Sala Baganza per la lista “Cambiamo Sala Baganza”. Dopo la maturità acquisita all’istituto tecnico Bodoni, ha svolto la mansione di infermiera presso l’AUSL di Parma e ha ricoperto il ruolo di consigliere dell’ANCI per i gruppi civici di Parma, Piacenza e Reggio Emilia. E’ stata anche docente per la formazione di infermieri presso l’AUSL di Parma dal 2001 al 2003 e di diversi corsi ed eventi, oltre che ricoprire il ruolo di esaminatrice nella commissione per l’assunzione di operatori socio – sanitari dal 2005 al 2017, in rappresentanza dell’Assessorato alla Sanità della Regione Emilia – Romagna. “La priorità è la sicurezza sui cittadini e sul territorio. Bisogna investire sul green e migliorare il Parco“, afferma.

Qual è la priorità del suo programma per l’amministrazione del Comune di Sala Baganza?

La priorità è la messa in sicurezza della cittadinanza. Messa in sicurezza dei cittadini e delle loro proprietà oggi non tutelate a sufficienza. Sicurezza dai furti e dai vandalismi, sicurezza sulla strada oggi molto a rischio innanzitutto sulla provinciale, sicurezza dal rischio del Baganza tenuto conto che la Cassa di Espansione sul torrente non dà alcuna protezione all’abitato di Sala.

Una grande responsabilità della futura amministrazione, sarà quella di “traghettare” la popolazione fuori crisi legata alla pandemia: che progetti avete in mente, anche (ma non solo) relativamente al tessuto economico e commerciale?

Sala Baganza è al vertice della classifica provinciale per reddito prodotto. Purtroppo il settore commerciale e quello turistico sono stati abbandonati e hanno comportato diverse, troppe chiusure delle attività. La nostra idea progettuale e quella di rifare di Sala Baganza il salotto buono della città di Parma per vedere ritornare la vecchia e la nuova clientela.

Una delle maggiori sfide che ogni amministrazione deve affrontare nel breve periodo, è la sensibilizzazione della popolazione riguardo al tema della crisi climatica. Che cosa ha in programma per costruire un Comune Green? Come crede sia possibile far arrivare il messaggio alle nuove generazioni?

Il green oggi è per molte aziende l’affare su cui investire. Lacci e lacciuoli della burocrazia comunale e della politica hanno finora rallentato e quasi impedito la svolta verde.

A che punto si trova il territorio di Sala Baganza nella digitalizzazione? Avete in mente incentivi per superare il digital divide, anche nei servizi ai cittadini o nella pubblica amministrazione? E in termini di servizi al cittadino, scuola e welfare che cosa proponete nel vostro programma?

Il Comune dovrà offrire a tutti punti diffusi ed estesi di collegamento ad internet pubblici e garantiti utilizzabili in zona urbana e industriale dalle proprie residenze visto che già oggi paghiamo la società informatica della Regione, senza avere reali ritorni per i cittadini. Nelle restanti zone il servizio WTA dovrà sopperire alla carenza delle attuali strutture.

Turismo e riqualificazione urbanistica: quali sono i punti del vostro programma in merito?

Oggi la viabilità caotica, i collegamenti strozzati col capoluogo e la viabilità principale, rendono marginale per il commercio e il turismo Sala Baganza. Le ricchezze naturali e quelle monumentali sono trascurate e non sfruttate. Riportare i Boschi da selva come sono stati fatti diventare a Parco è un obiettivo molto concreto e potenzialmente utile.

Lanciamo un appello agli elettori: perché dovrebbero scegliere la vostra lista?

Sala Baganza a parere di molti ha bisogno di cambiare in meglio. Proponiamo agli elettori salesi di scegliere la nostra lista perché le nostre proposte di miglioramento e cambiamento nascono da una lunga e dura battaglia di contrasto contro chi non ha mai voluto perdere i propri privilegi condannando Sala Baganza a diventare, da piccola capitale, la periferia trascurata di Collecchio.

La lista “Sala Attiva. Equità, legalità, trasparenza”

sala attiva tiziana azzolini
  • Aliani Maria
  • Colombo Marco
  • Franchi Marco
  • Iacomini Giorgia
  • Manniello Marco
  • Restori Angelica
  • Rotelli Marco
  • Varoli Umberto
  • Venturini Maria Paola
  • Zanichelli Enrico

© riproduzione riservata