sartor

L’ex calciatore Luigi Sartor è stato condannato a un anno e due mesi per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Qualche settimana fa i Carabinieri avevano trovato una serra di marijuana, da lui coltivata, in un casolare abbandonato a Terenzo. La scelta del rito abbreviato ha permesso al 46enne di ottenere lo riduzione di un terzo della pena, inizialmente di due anni.

La sentenza è stata commisurata alla gravità dei fatti – ha dichiarato il legale dell’ex calciatore – il mio assistito la sconterà facendo volontariato in una comunità, aiutando ragazzi tossicodipendenti. Per Sartor è l’occasione per costruirsi una nuova vita”.