Spadafora e il destino della Serie A:

Il Ministro dello Sport Vincenzo Spadafora parla del destino della Serie A ai microfoni di Tg Sport, con una nota importante che riguarda gli allenamenti collettivi: “Rivediamo le regole in senso migliorativo, non ci sarà la necessità di andare tutti in quarantena in caso di positività di un calciatore. Se tutti gli italiani hanno la possibilità di ripartenza giusto che il mondo del calcio abbia la possibilità di riprendere. Ho convocato una riunione per il 28 maggio alle 15.00 con Gravina, Dal Pino e le componenti di Federazione; il 28 maggio è la data entro quando decideremo”.

È intervenuto anche il Presidente dell’AIC Damiano Tommasi ai microfoni di Rai Due: “La prudenza prima di tutto; dobbiamo avere certezze dal punto di vista medico. Quello che abbiamo chiesto è uniformità nell’applicazione delle misure e un organo di controllo. Non dobbiamo porci limiti di data se vogliamo essere in grado di ripartire bene. Abbiamo sempre ragionato su questa tempistica. Tutti vogliono tornare a fare il proprio lavoro, ma da quando ripartiranno gli allenamenti bisognerà cominciare questo calcolo”.

© riproduzione riservata