I danni più ingenti alle coltivazioni di mais e frumento: quest’anno grandinate aumentate del 48%

Il violento temporale con a tratti intense grandinate e tromba d’aria, che nel tardo pomeriggio di lunedì ha colpito buona parte della Bassa est parmense, ha provocato ingenti danni a strutture agricole, sollevando il manto di copertura di stalle e capannoni, e alle colture agricole, devastando in particolare i campi di mais e frumento. I tecnici di Coldiretti Parma stanno monitorando il territorio colpito, specialmente i Comuni di Sissa e di Trecasali per una prima stima dei danni.

La grandine – spiega Coldiretti – è uno degli eventi più temuti dagli agricoltori in questo momento perché provoca danni irreparabili alle coltivazione mandando in fumo un intero anno di lavoro. Dall’inizio del 2019 in Italia sono state registrate ben 86 grandinate, più di una ogni due giorni, con un balzo del 48% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno secondo i dati Eswd, la banca dai degli eventi estremi in Europa. Sono gli effetti di una tendenza alla tropicalizzazione che si manifesta con una più elevata frequenza di eventi estremi, grandine di maggiore dimensione, sfasamenti stagionali e bombe d’acqua i cui effetti si fanno sempre più devastanti“.

© riproduzione riservata