Tendenze bagno 2023: 6 idee, secondo gli esperti

Il bagno ha molti aspetti utilitaristici, ma oggi più che mai è concepito come luogo di relax dove coccolarsi. Le tendenze per il 2023 delineano il bagno come uno spazio pratico, igienico e allo stesso tempo altamente estetico. Così come emerge dalle nuove proposte e dalla vasta scelta di arredo bagno su deghi.it il design quest’anno punterà più che mai su scelte coraggiose in fatto di colore o nell’introduzione di fantasie, oltre che su alcuni pezzi capaci di creare un “effetto wow”. I nuovi bagni non saranno solo belli, ma sprigioneranno molta personalità.

1. Mobili da bagno personalizzati

Mobili dalle forme pure continueranno ad occupare un posto privilegiato nei bagni, nei quali prevarrà soprattutto la possibilità di personalizzarli in qualsiasi aspetto: colore e finitura dei frontali, maniglie o modalità di apertura, dimensioni e tanto altro.

Inoltre, in particolare nei bagni dalla grande metratura c’è una tendenza verso mobili minimalisti, per evitare la tentazione dell’accumulo e generare atmosfere rilassate e pacifiche. 

2. Colori vivaci e insoliti

Quest’anno si oserà con il colore in bagno: può essere il blu in tutte le sue sfumature, il beige, il grigio, il nero o toni più audaci, come il giallo o colori complementari per accentuare l’effetto contrastato, come l’azzurro e l’arancio. La gamma di opzioni è sempre più ampia. E non dimentichiamo la possibilità di personalizzare anche l’elemento più piccolo, come nel caso della rubinetteria.

3. Il trionfo delle linee organiche

Sicuramente avrai notato che le forme curve stanno prendendo piede in tutte le stanze della casa, beh, il bagno non fa eccezione e, in ogni caso, può esserne il massimo esponente in specchi, lavabi, vasche da bagno, mobili, illuminazione ecc… Anche la struttura architettonica viene rivoluzionata, magari aggiungendo un ingresso ad arco e creando linee morbide anche nella muratura. 

4. Benvenuta ‘spa’ domestica

Il bagno ha assunto un’importanza notevole nell’ambiente domestico, motivo per cui i metri quadri dedicati a questa stanza vengono ampliati e viene trattato con valenze estetiche più importanti. Sulla scia dei bagni in stile SPA, stanno riprendendo piede le vasche da bagno, vero piacere da affiancare alle rapide docce quotidiane in quelle giornate speciali in cui ci si vuole concedere una coccola in più. E, in molte occasioni, per trasformare il bagno in una vera spa, la doccia può essere trasformata in una cabina idromassaggio per trasmettere un’intera esperienza sensoriale con effetti rilassanti o stimolanti nei getti d’acqua e persino cromoterapia. L’obiettivo è quello di trasformare il bagno in un luogo di ritiro e di cura della persona a tutto tondo.

5. Le possibilità di decorare le pareti si moltiplicano

Tieni presente che ci sono infinite alternative alle piastrelle per rivestire le pareti, tra le quali spicca la carta da parati, perché permette di sbizzarrirsi con i più disparati motivi, dal momento è adatta anche per ambienti umidi, compresa la doccia, grazie alla sua composizione all’avanguardia. Altre proposte che si stanno affermando sono il microcemento (grigio o colorato in altre tonalità) e i pannelli in legno con modanature, quest’ultime però non adatte in zone con acqua diretta. Inoltre, considera che il bagno post pandemia ha guadagnato una dimensione sensoriale, per cui tutti i rivestimenti hanno una forte componente tattile. 

6. L’illuminazione conta più che mai

Le plafoniere da incasso sono l’opzione più comune per l’illuminazione generale, tuttavia, per “elevare” la decorazione, nel 2023 i bagni sfoggeranno dispositivi di illuminazione lussuosi e accattivanti, come lampadari o lampade a sospensione che incorporano infiniti pezzi di cristallo o disegni Art Déco. Allo stesso modo, molti mobili incorporano una luce diffusa sugli scaffali o all’interno, al fine di favorire un’illuminazione attenta e pratica.

© riproduzione riservata