I ragazzi del liceo Paolo Toschi e i bambini delle scuole dell’infanzia di Traversetolo hanno reinterpretato le opere di Renato Brozzi

Inaugurata nei giorni scorsi nel museo Renato Brozzi di Traversetolo, la mostra con le sculture e i disegni ispirati alle opere dell’artista traversetolese realizzati dagli studenti della classe IV A Arti figurative del liceo artistico Toschi. L’esposizione è l’esito delle 80 ore di alternanza scuola-lavoro che gli allievi hanno svolto al museo. La mostra mette in esposizione anche i lavori eseguiti con gli alunni delle scuole dell’infanzia di Mamiano e Vignale, elementare D’Annunzio e media Manzoni durante i laboratori didattici “guidati” dai liceali. Al taglio del nastro era presente l’assessore alla Scuola Elisabetta Manconi.

La collaborazione con le scuole ha visto al museo Brozzi 201 studenti che hanno lavorato l’argilla, disegnato e creato opere con i pastelli come l’artista. In particolare, sono state impegnate le classi 1A e 1B della Manzoni, 4A e 4B della D’Annunzio, tutti i bimbi delle scuole infanzia di Vignale e Mamiano. Saranno gli studenti del Toschi a curare la sorveglianza e le visite guidate alla mostra, che potrà essere visitata fino all’8 giugno.

Il progetto 

È iniziata a settembre 2018 l’avventura dei liceali “dentro” al museo traversetolose. Un museo che si caratterizza non solo per le belle opere di Brozzi che vi sono custodite, ma anche per la presenza in esposizione di tutto quello che precede il manufatto artistico finito: schizzi e disegni, bozzetti scultorei e attrezzi usati dall’artista. Insomma, un percorso espositivo che riproduce l’intero iter creativo dello scultore, che si presta, pertanto, a finalità didattiche e che consente di concepire iniziative incentrate sulla riproposizione e attualizzazione della lavorazione artigianale e creativa di materie plastiche e di metalli preziosi.

Gli allievi del Toschi, innanzitutto, hanno effettuato una visita guidata al Brozzi, durante la quale hanno preso visione delle opere e ne hanno analizzate alcune. Il progetto li ha visti impegnati, poi, nella realizzazione di piccole sculture presso il laboratorio di Discipline plastiche del liceo. Infine, i liceali hanno gestito dei laboratori didattici rivolti agli alunni delle scuole dell’infanzia, della primaria e della secondaria di primo grado di Traversetolo. Tutte esperienze, queste, che hanno aiutato gli studenti ad acquisire nuove competenze, in particolare nella gestione delle relazioni con e tra i ragazzi, nei rapporti con il pubblico, nella trasmissione del proprio sapere. Il progetto è stato seguito per l’impostazione generale e per le attività laboratoriali di scultura dal professor Gianantonio Cristalli, con il supporto della responsabile del servizio Cultura e museo del Comune di Traversetolo Cristina Ramuschi.

© riproduzione riservata