L’iniziativa è nata dall’idea di una caparbia operatrice del Centro diurno: i supporti sono stati realizzati la plastica ricilata dai tappi raccolti

Riciclare è una parola sempre più in auge di questi tempi. Vuoi per un’attenzione sempre più palpabile verso l’ambiente e il corretto smaltimento dei rifiuti; vuoi per battaglie sempre più serrate verso inquinamento, utilizzo di energie non rinnovabili e materiali da esse derivati. Un esempio virtuoso, che va proprio in questa direzione, è quello presentato al Centro diurno di Traversetolo, gestito dall’Azienda Pedemontana Sociale. Qui, i tappi di plastica raccolti minuziosamente dagli operatori si sono trasformati in deambulatori per anziani.

Senza miracoli o magie, ma con tanta buona volontà e un bel gioco di squadra, si è potuto realizzare questo importante supporto da mettere a disposizione agli ospiti del Centro. L’iniziativa è nata dall’idea di un’operatrice che ha mobilitato i colleghi e i familiari degli ospiti, coinvolgendo nell’impresa anche quelli del vicino centro diurno di Basilicanova, dando il via ad una paziente raccolta.

Tappo dopo tappo, sono stati racimolati quintali di plastica, trasformati poi dai volontari dell’associazione Confraternita della Misericordia di Piacenza nel prezioso ausilio, grazie al progetto “Dona un tappo che ti tornerà in solidarietà” e alla collaborazione del signor Romano Miodini. Una bella iniziativa che ha fatto bene ai “nonni” del Centro diurno e all’ambiente.

© riproduzione riservata