Giovanni Bertocchi guida la lista

Il prossimo 20 e 21 settembre Varano de Melegari sarà tra i 5 comuni del parmense chiamati al voto per l’elezione del primo cittadino. Tre i candidati: il sindaco uscente Giuseppe Restiani a guida della lista “Guardiamo al futuro”; Giovanni Bertocchi a capo della lista civica “Varano Domani” e Paolo Balbo, che guida la compagine di “Varano la nuova rinascita”.

Varano – spiega Bertocchi – è una piccola perla nel panorama dei piccoli comuni italiani, un posto dove la qualità della vita è sempre stata alta, dove il lavoro non manca, dove i servizi sono sempre stati all’altezza. Se sappiamo che viviamo in un posto che ha nella sua gente e nel suo tessuto produttivo il proprio punto di forza, pensiamo anche che la politica serva ad agevolare un miglioramento continuo, per chi c’è ora e per chi sta diventando grande e ci sarà dopo di noi. Possiamo fare meglio, dobbiamo fare meglio”.

Uno dei punti cardine dei programmi elettorali è quello che riguarda la tematica della sicurezza, sotto diversi punti di vista. Cosa proponete ai cittadini in termini di sicurezza in senso stretto, sicurezza stradale ed idrogeologica?

Abbiamo tanti punti in programma per quanto riguarda la sicurezza: vogliamo implementare i punti luce e le telecamere di sicurezza nei punti più sensibili del nostro territorio: frazioni, cimiteri e luoghi più isolati; vorremmo anche instaurare una più fitta e proficua collaborazione con i comuni vicini in materia di polizia locale, per avere una maggiore e continuativa presenza sul territorio. Per i bambini, contiamo di aumentare la presenza del personale AUSER, per mantenerli sicuri quando sono per strada in orario scolastico e mantenerli distanziati durante il loro ingresso. Saremo attenti nell’adottare tutti gli interventi necessari in modo da prevenire in modo puntuale il problema del dissesto idrogeologico nel nostro Comune.  

Varano è un territorio ricco di industrie: quali misure la vostra lista pensa di adottare per incentivare l’apertura di nuove attività sul territorio e sostenere quelle esistenti?

Il nostro Comune è da tempo riconosciuto come un polo industriale importante in contesti che vanno ben oltre quello locale; da parte nostra, c’è la massima disponibilità a far si che le nostre realtà d’eccellenza vedano nel Comune un interlocutore attivo e costante. Oltre a questo, chi volesse venire ad investire sul territorio non può che trovare disponibilità massima, per far si che Varano possa avere sempre più occasioni di sviluppo economico.  

Parlando di giovani e famiglie: avete pensato ad incentivi per chi sceglie di trasferirsi nel varanese o a proposte che convincano i giovani a rimanere e ad investire sul territorio?

Negli ultimi anni Varano è stato un paese con una grande attrattività per i giovani e le famiglie: qui hanno trovato un luogo in cui poter lavorare e vivere serenamente; ma siamo sicuri che manchino servizi all’altezza per questa fascia di popolazione, quindi un obiettivo che ci poniamo è quello di ricercare ogni possibilità perché ai bambini e alle loro famiglie non manchino servizi fondamentali e di qualità: doposcuola, sicurezza scolastica, nuovi centri di svago e nuove infrastrutture sportive per bambini e ragazzi.

Il turismo è un tassello fondamentale, anche in vista di Parma 2020+21: che proposte avete per il territorio?

L’idea è quella di potenziare la presenza e le possibilità delle associazioni esistenti: coinvolgere tutti gli attori presenti sul territorio per mantenere gli eventi attuali e preparare il terreno per nuovi spazi e nuove manifestazioni di carattere culturale, ci sembra di fondamentale importanza. Ma non basta: dobbiamo allargare i nostri orizzonti anche in ambito turistico-ricettivo, e quindi sentiamo la necessità di contribuire alla nascita di una fitta e proficua collaborazione con i comuni limitrofi, per sviluppare nuove occasioni non solo in ambito strettamente locale, ma anche come territorio della Val Ceno.

Il Covid-19 ha profondamente segnato il nostro territorio, sotto vari aspetti. Quali pensate siano le maggior difficoltà che dovrà superare Varano per ripartire? Avete dei progetti specifici sulla ripartenza?

Gli ultimi mesi sono stati molto difficoltosi per tutti: persone, artigiani, imprese. Le difficoltà che ci potranno essere saranno sicuramente quelle di preparare in tempi brevi un deciso piano di rilancio, che coinvolga non solo i cittadini e tutto il Comune, ma che coinvolga di più anche altre realtà che possano sostenere i nostri sforzi: penso alla Provincia, alla Regione e soprattutto alle opportunità che vengono fornite dall’Unione Europea. Uno dei primi passi in questa direzione dovrà essere l’implementazione della rete di fibra ottica, indispensabile per permettere ai cittadini un collegamento veloce e sicuro anche in ambito di smart-working. 

Lanciamo un appello ai vostri elettori: perché dovrebbero scegliere la vostra lista?

Perché per cinque anni abbiamo assistito a un immobilismo che non fa bene al nostro territorio. La nostra non è una scommessa contro qualcuno, ma per qualcosa, per chi a Varano e nelle sue frazioni ci abita da anni, per chi è appena arrivato, per chi viene in visita o in vacanza. Per avere migliori servizi, opere pubbliche che servano alle persone, più armonia tra le generazioni. Non ci siamo candidati per ciò che è successo fino a ieri, ma per ciò che dovrà succedere dalle prossime settimane.

La lista “Varano Domani”

  • Luca Carrara
  • Gianluca Cesari
  • Giuseppe Dodi
  • Rita Mazzaschi
  • Matteo Passadore
  • Martina Pediri
  • Alessandra Pesce
  • Francesca Ruggeri
  • Antonio Schiavone
  • Alessandro Sgobazzi

© riproduzione riservata