Villa Ester, prima casa del quartiere di Parma:
Photo Credits: Simone Buratti

Villa Esterprima casa del quartiere di Parma -, ha ricevuto un finanziamento da parte di Fondazione Cariparma nell’ambito del Bando 2020 Welfare di Comunità. Gli spazi aperti della struttura gestita da ASP – Azienda dei Servizi alla Persona del Comune di Parma, inaugurati il 23 novembre 2019, sono stati quindi riqualificati e rigenerati completamente; questa prima fase di realizzazione permetterà di dare piena attuazione alle attività sociali, culturali e di promozione della cittadinanza attiva già in essere. Inoltre sarà possibile sviluppare ulteriormente le azioni di supporto sociale e di prossimità alle persone fragili.

In questo tempo di emergenza sanitaria, il giardino e il terrazzo, potranno essere utilizzati, in base alle normative in essere, garantendo le regole di prevenzione dal contagio Covid 19, con una presenza di volontari che assume un duplice significato, ovvero una vigilanza nell’uso attento degli spazi e una presenza attiva di ascolto dei bisogni dei cittadini per poter sostenere, con attività di prossimità, le persone più fragili.

Il percorso che ci ha portato ai risultati che presentiamo oggi – ha spiegato Gianluca Borghi, Amministratore Unico ASP – è stato condiviso e partecipato con gli enti e le realtà del territorio, come Comune e Fondazione Cariparma, ma soprattutto con i giovani e con le tante persone che gravitano intorno a questo punto di comunità importante per il quartiere, che può essere sorgente di nuovi percorsi di welfare diffuso“.

Il progetto: spazi aperti, accoglienti e multifunzionali

L’intervento, presentato nel dettaglio da Patrizia Vaccari e da Cecilia Amighetti di Ad Personam, riguarda in particolare gli spazi aperti, progettati per essere accoglienti e multifunzionali. Il giardino e la terrazza, con l’orto urbano, svolgeranno funzioni aggregative e culturali, ospiteranno laboratori per persone adulte e anziane con disabilità, e permetteranno la fruizione libera dei cittadini, in particolare delle famiglie i cui bambini frequentano i servizi educativi adiacenti alla struttura e le persone anziane del quartiere. Inoltre sono stati allestiti spazi interni per le ulteriori funzioni ricreative ed effettuata la riqualificazione energetica per migliorare la sostenibilità ambientale e quella economica del progetto.

Villa Ester, prima casa del quartiere di Parma: "Un laboratorio di opportunità" | INTERVISTA
Photo Credits: Simone Buratti

“Un luogo che potrà essere motivo di orgoglio per la città”

La progettualità legata a Villa Ester – ha detto l’assessora al Welfare del Comune di Parma Laura Rossirappresenta una sfida significativa che, passo dopo passo, stiamo portando avanti, insieme a tante realtà cittadine, con un forte senso di appartenenza e collaborazione. Questo luogo ospiterà funzioni diverse tra loro, istituzionali e non: un luogo di servizi e attività trasversali che potrà essere motivo di orgoglio per la città“.

Abbiamo contribuito con soddisfazione – ha sottolineato il presidente di Fondazione Cariparma Franco Magnania questo progetto di rigenerazione comunitaria: una definizione calzante che sottolinea l’importanza, in particolare in questo difficile momento, di partecipare e sostenere, ciascuno con le proprie forze e le proprie idee, la nostra comunità cittadina e i luoghi dove essa si forma e si sviluppa“.

© riproduzione riservata