Il Direttore crociato parla al The Guardian: “Mi emoziono quando vedo giocare Iacoponi e Scozzarella”

Si parla del progetto Parma con Daniele Faggiano protagonista al tabloid The Guardian: “Parma è il Parma, in Europa e nel mondo. Non mi sono stati dati obiettivi perchè noi meritiamo di stare in Serie A. Ci siamo strutturati come un club di Serie B mentre eravamo in terza divisione, questo era il segreto.

C’è sempre stato un grande sentimento di unità e questo ha fatto la differenza. L’anno della Serie B avevamo vinto solo una partita su 10 o 11, stavamo lottando e tutti ci abbiamo creduto. Matteo Scozzarella e Simone Iacoponi? Mi emoziono tutte le volte che li vedo giocare. Ho portato diversi giocatori che molti pensavano non sarebbero stati un giusto investimento“.

Una dichiarazione anche sull’acquisto di Matteo Darmian dal Man UTD: “Non è stato facile. Abbiamo incontrato i rappresentanti del Manchester United al telefono e via e-mail, hanno capito le nostre esigenze e ci hanno aiutato. Ricordo la prima telefonata con Matteo, volevo davvero capire se voleva venire qui e ho capito subito che stavamo acquistando una persona straordinaria con un grande spirito di sacrificio.

Quella di Gervinho è una storia incredibile: un giorno il suo agente entra nel mio studio e me lo offre. Ci siamo presi il rischio e la scommessa. Qualcuno me l’ha chiesto ma lui è voluto restare a Parma. Ibrahimovic? Sogno di vederlo a Parma, ma oggi non possiamo permettercelo“.

 © riproduzione riservata