carabinieri parma

Nei giorni scorsi, i Carabinieri della Compagnia di Parma, coordinati dalla Procura della Repubblica hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari, nei confronti di un Vito Muto, un 34enne di origini crotonesi, senza fissa dimora e già censurato. In sei mesi, l’uomo, ha portato a termine furti aggravati continuati, oltre che una tentata rapina e l’indebito utilizzo di carte di credito ed invasione di edifici.

L’indagine è iniziata il 19 giugno 2020 con il primo furto di generi alimentari a cui ne sono seguiti altri ed in ciascuno degli episodi l’indagato è stato ogni volta scoperto e denunciato. Muto ha preso di mira alcuni supermercati, tra cui Esselunga, Conad-Sapori & Dintorni de Ipercoop. Sono stati pertanto acquisiti i contributi dichiarativi delle varie persone offese e dei testimoni oculari dei fatti, le immagini dei circuiti di videosorveglianza ed infine le annotazioni di servizio delle forze dell’ordine intervenute, che lo hanno identificato.

Muto, oltre ai furti nei supermercati, si è reso colpevole di furto di autovettura, di sottrazione di carte di debito e credito con cui in pochi minuti ha effettuato undici acquisti per 300 euro circa. Aderendo alla prospettazione della procura, il GIP ha ritenuto che la recidivanza dimostrata dall’indagato, unitamente alla sua personalità è elemento che impedisce possa ravvisarsi a carico dello stesso l’autodisciplina necessaria al rispetto delle prescrizioni connesse all’eventuale misura cautelare degli arresti domiciliari. Unica misura proporzionata alla gravità dei fatti è stata pertanto ritenuta la misura cautelare nel carcere di Parma.

© riproduzione riservata