Parma, Valeri si presenta:
Credits Photo Parma Calcio

Il primo acquisto del calciomercato estivo del Parma Calcio è Emanuele Valeri, arrivato dal Frosinone. Il terzino sinistro è stato presentato nella consueta conferenza stampa: “Ho avuto dei contatti con la Lazio, eravamo a un accordo che non si è concretizzato. Appena si è inserito il Parma non ho esitato due volte a dire sì, c’è un progetto importante, è un Club importante che per me ha una grande storia. Per questo ho accettato subito. Sento una fiducia importante e voglio ripagarla tutta sul campo, so quello che vuole la società e i progetti che ha. E’ il terzo anno che faccio la Serie A, è un altro punto di partenza con un progetto importante. Spero di scalare quello che ho fatto, a livello personale, dall’inizio della carriera e ora con il Parma.

I tifosi? Impatto fondamentale, si sono fatti sentire in allenamento e ci hanno stimolato abbastanza. Non vedo l’ora di rivederli allo stadio. Al Tardini ci ho giocato solo una volta, sono stato da spettatore durante un match e vederlo da fuori fa tanta impressione. Ho fatto un giro dello stadio, ho visto il museo e si sente l’importanza di questa società.

Al di là del mister conosco molto bene la storia del Club, ha grandi ambizioni. Con Pecchia ho già lavorato con lui, so molto bene come lavora e questo non vuol dire nulla, perché il posto te lo devi guadagnare sempre sul campo con allenamenti duri. Ho trovato una squadra già formata, un grande gruppo e mi sto integrando alla grande. C’è un gruppo solido e con sani principi. E’ un punto di partenza importanti. Nelle mie precedenti esperienze sono stati in gruppi che in principio sono stati stravolti, così è più complicato. Partire da una base solida fa bene per tutti i ragazzi, per la squadra e si riparte dalla cosa bellissima che è stata fatta lo scorso anno. La città di Parma? Sono uscito due volte dal centro sportivo, ci ero stato anni prima con la mia compagna e la città è bellissima, merita tanto.

Il modulo? Ho giocato a 4 anche anni fa con il mister, per me è un modulo che mi va a genio. Sono tutti bravi ragazzi e forti, ho già affrontato il Parma due anni fa, in B. Nessuno mi ha impressionato ma so che tutti sono all’altezza. La dote della squadra? Il Parma ha stravinto lo scorso anno, per me ha fatto la differenza il gruppo. Appena arrivato l’ho trovato solido e mi ha integrato bene in questo. Ogni due partite troveremo una big, anzi sono quasi tutte big e il Parma non deve aver paura di nessuno. Possiamo giocarcela benissimo. Impatto con i compagni è con calciatori di qualità e di forza, si può lavorare bene”.