Agli undici prodotti salsesi che hanno già ottenuto il marchio di qualità territoriale, si aggiungono ora il carciofo coltivato dall’azienda Agricola “Moschini-Sghiavetta” e l’olio prodotto dall’Azienda Agricola Gavinell da coltivazioni locali come Montelocco, Montericco, Mulazzano, San Pietro, accompagnati da un particolare effetto terroir. Di esclusivo interesse l’esame documentale della varietà “carciofo spinoso” coltivato dall’Azienda Agricola Moschini-Sghiavetta, che approfonditi esami effettuati sul dna hanno evidenziato come varietà unica dal particolare corredo genetico molto antico, che cresce e vive solo nel territorio salsese.

La valorizzazione attraverso il marchio De.C.O. dell’olio d’oliva di Gavinell da impianti locali di ulivi e in particolar modo del “carciofo spinoso” coltivato dalla famiglia Moschini-Sghiavetta che l’analisi del dna ha identificato come una varietà della quale non si conosceva l’esistenza – afferma il presidente della commissione e assessore Pasquale Gerace – premia l’intenso lavoro che abbiamo svolto e regala alla nostra città un prodotto veramente unico“.

In relazione alla diffusione e al gradimento della cosiddetta “Pizza Alta di Salsomaggiore Terme” la Commissione ha deciso di approvare un disciplinare di produzione minimo di questo prodotto che rispetti caratteristiche di impasto e preparazione e di riconoscere a Sandro Colla, storico patron della “Porchetta” una delle pizzerie più antiche di Salsomaggiore, il merito della creazione della “Pizza Alta di Salsomaggiore Terme” divenuta nel tempo uno dei prodotti più conosciuti dell’enogastronomia salsese. A Colla la commissione De.C.O. ha deciso di consegnare una pergamena di ringraziamento che attesti la paternità di questa gustosa e apprezzata golosità salata.

© riproduzione riservata