Il sopralluogo del gruppo “Amo Colorno” dopo sei mesi: molte criticità e pochi interventi migliorativi

Alcuni iscritti al gruppo “Amo Colorno” sono tornati alla stazione di Mezzano Rondani dopo sei mesi: sono stati effettuati alcuni lavori che hanno migliorato la zona, come l’asfaltatura della strada di accesso ai binari e l’abbattimento di una struttura pericolante una volta ricolma di rifiuti; ma a prevalere sono ancora degrado e fatiscenza di un luogo abbandonato e poco illuminato, pericoloso per l’incolumità dei cittadini.

Nello specifico, fa notare il comitato, la banchina ferroviaria è accessibile soltanto attraverso i binari e non è presente nessuna passerella pedonale: pericolo sostanziale per i viaggiatori che sono costretti ad attraversare la ferrovia; inoltre sulla banchina si trova una pensilina malmessa, con vetri rotti, graffiti e rifiuti; più grave è la presenza di scatole elettriche con moltissimi cavi in vista, che possono portare a situazioni di grave rischio soprattutto in caso di pioggia. Nella bacheca fatiscente e coperta di polvere mancano gli orari dei treni e per di più è assente la recinzione adiacente ai luoghi della vecchia stazione: nonostante un vistoso segnale di pericolo, l’accesso all’area non è impossibilitato, perché la rete arancione che dovrebbe isolare la zona è stata tagliata e danneggiata; nel luogo sono stati poi trovati preservativi e complessivamente manca anche un’illuminazione adeguata.

Fiera Millenaria di San Terenziano: a Isola di Compiano tornano festa e tradizione

La zona è quindi completamente degradata e attendere un treno la sera presso la fermata è diventato pericoloso e poco sicuro: “Riteniamo doveroso segnalare nuovamente la cosa, chiedendo a chi di dovere di intervenire rapidamente, al fine di garantire sicurezza a tutti coloro che usufruiscono del treno“, afferma il comitato. I lavori da mettere in atto riguardano nello specifico la pensilina d’attesa, l’illuminazione e l’installazione di videosorveglianza collegata direttamente alla forze dell’ordine: lavori a costo limitato e di essenziale importanza per garantire un servizio decente alla collettività, sostiene “Amo Colorno”.

© riproduzione riservata