Tanti giocatori si sono scambiati tra gli anni ’90 e 2000; tanti campioni hanno vinto quasi tutto con le maglie di Parma e Lazio

A pochi giorni dalla sfida di campionato di Serie A tra Lazio e Parma possiamo quasi schierare una formazione di doppi ex. Nel corso della fine del millennio e l’inizio degli anni 2000 campioni di ogni ruolo si sono scambiati maglia per andare a rinforzare le due squadre che facevano parte delle famose 7 sorelle. Parma e Lazio lottavano per palcoscenici importanti sia in Italia che in Europa. Uno dei grandi protagonisti del Parma vittorioso nella prima coppa europea, a San Siro contro la Juventus nel 1995, è stato Fernando Couto. Il portoghese è passato poi alla Lazio nel 1998 dove ha vinto un campionato, una Coppa delle Coppe, oltre a 2 Coppa Italia, 2 Supercoppa Italiana e una Supercoppa europea. Couto ha chiuso la carriera in Emilia giocando 64 gare tra il 2005 e il 2008.

Un altro campione che ha lasciato un gran ricordo in terra ducale è il Valdanito Hernan Crespo, arrivato a Parma nel 1996. In maglia crociata Hernan ha alzato trofei sia in Italia che in Europa. Per lui palmares importante con il Parma: una Coppa Italia, una Supercoppa Italiana, una Coppa Uefa. Il calciatore del secolo crociato passò alla Lazio di Cragnotti nel luglio del 2000 al prezzo di 110 miliardi di lire (allora il trasferimento più costoso di sempre nella storia del calciomercato). Nell’affare vengono inseriti i calciatori Matias Almeyda e Sergio Conceicao.

Anche molti centrocampisti sono passati dalla squadra capitolina al Ducato e viceversa. Tra questi c’è Juan Sebastian Veron che giocò una sola stagione in Emilia nel 1998-1999 alzando al cielo la Coppa Italia e la Coppa UEFA. La Brujita si trasferisce l’estate successiva alla Lazio per 60 miliardi di lire.

Tanti altri giocatori hanno collezionato presenze in Serie A e vittorie con entrambe le maglie. Qui ne citiamo alcuni: Diego Fuser (nel 1998 dalla Lazio al Parma con 3 trofei conquistati in gialloblù), Nestor Sensini (una sola stagione in biancoceleste dopo tanti anni nel Ducato), Dino Baggio (alla Lazio nel 2000 dopo oltre 170 presenze con la maglia del Parma).

© riproduzione riservata